loga ausl della romagna
Rimini
Qr Code
URL della pagina
 

AUSL Romagna Rimini: notizie ed eventi in evidenza

Giornata del Prematuro: eventi e dati di Rimini

Scritto da - Inserito in News - Creato il: - Ultima modifica il: .

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Il 17 novembre, ricorre la giornata mondiale della prematurità. Un neonato su 10 nasce prima del tempo, vuol dire che in Italia nascono circa 50mila prematuri all’anno e che ogni anno ci sono dai 700mila ad 1.800.000 bambini di età compresa tra 0 e 14 anni ex-prematuri. Si tratta di bambini e famiglie con bisogni speciali, soprattutto quelli nati di peso inferiore al chilo e mezzo che rappresentano circa la decima parte di tutti i prematuri. A Rimini negli ultimi anni è cresciuta sensibilmente l’assistenza a neonati di peso alla nascita inferiore al chilo e mezzo che sono attualmente circa 60 ogni anno. Questo dato pone Rimini tra le tre maggiori Terapie Intensive Neonatali (Tin) della Regione Emilia-Romagna. Più della metà dei neonati di peso molto basso proviene da fuori provincia/regione.

Nel reparto i piccoli pazienti possono contare sulle attrezzature più avanzate per l’assistenza respiratoria, per la prevenzione del danno cerebrale, per la nutrizione parenterale e per il monitoraggio non invasivo. L’obiettivo prioritario dello staff della Tin di Rimini è curare le malattie proteggendo al contempo il rapido sviluppo cerebrale di questi neonati. Tale obiettivo viene realizzato in collaborazione con le famiglie, che accedono liberamente al reparto in tutte le ore del giorno. Durante la permanenza in reparto uno staff esperto in cure individualizzate, in collaborazione con la psicologa, si prende cura del coinvolgimento graduale e progressivo dei genitori nell’accudimento dei loro bambini allo scopo di rafforzare il ruolo genitoriale in famiglie in cui le aspettative di gioia legate alla nascita sono state bruscamente mutate in profonde preoccupazioni.

Grazie a questo rapporto molto stretto è nata, negli anni scorsi, l’Associazione “La Prima Coccola”, composta da genitori dei piccoli pazienti, e che sostiene il reparto nelle proprie attività. Dalla collaborazione tra la Tin, diretta dalla dottoressa Gina Ancora, “La Prima Coccola”, è nata una serie di importanti iniziative a Rimini, in occasione della Giornata dal Prematuro che si celebra, appunto, giovedì 17.

Nel pomeriggio, a partire dalle ore 16:30, a Rimini presso l’Arco d’Augusto sarà attivo lo stand del “La Prima Coccola”, con materiale informativo ma anche palloncini e altri materiali, famiglie di bimbi prematuri, medici e infermieri della Tin dell’Ospedale “Infermi” di Rimini. Dalle ore 17:15 in poi l’Arco, il principale monumento di Rimini, verrà illuminato e “colorato” di viola il colore simbolo della giornata dei bimbi prematuri. Il tutto sarà allietato da musica, grazie a Radio Sabbia, e una merenda per tutti.

Ma la “festa” non finisce qui: la sera dopo, venerdì 18 novembre, a Coriano, l’associazione “Festa per Far Festa” organizza una cena a base di pesce e musica, il cui ricavato sarà devoluto all’associazione per le proprie attività in sostegno delle famiglie e della Tin. “Festa per Far Festa” nasce nel 2012 da un gruppo di ragazzi di Coriano che organizzano iniziative per star bene insieme e il cui ricavato è sempre devoluto ad associazioni meritorie. La cena del 18 si svolgerà in uno stand in via Don Minzoni, nell’ambito della festa dell’Oliva e allietata dai “Bad Bones”, un gruppo di medici e operatori dell’Ospedale di Rimini che eseguirà cover a partire dagli anni ’60 ad oggi.












Rimini, 15 novembre 2016                                                        
Allegati
FileDescrizioneDimensione del FileModificato il
Scarica questo file (prematuriloca.pdf)La locandina della Giornata del Prematuro a RiminiLa locandina della Giornata del Prematuro a Rimini1827 kB15-11-2016 12:11
Questo sito non fà uso di cookie di profilazione di terze parti. Utilizza solamente cookie "tecnici" emessi direttamente dal sito per scopi editoriali o per permettere l'erogazione di servizi. Per maggiori dettagli leggere la "privacy policy"