loga ausl della romagna
Rimini
Qr Code
URL della pagina
 

Dall'altra parte

In questa sezione verranno segnalate pubblicazioni e altri materiali (testimonianze, film...) che riportano l'esperienza di chi pur essendo professionista della cura vive un'esperienza di malattia, di chi si trova, questa volta, dall'altra parte.

Testimonianza / Chiara M. Crudele dolcissimo amore, 2005 Edizioni San Paolo

Inserito in Dall'altra parte

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Chiara M. è una giovane infermiera quando una malattia - che poi si rivelerà rara, lunghissima, dolorosissima, esasperante, progressivamente invalidante - irrompe violentemente nella sua vita. Con un brevissimo schizzo autobiografico degli anni dell'infanzia, della fanciullezza, della adolescenza e prima giovinezza, con pagine di diario e brani di lettera, racconta in questo libro la sua vita, la sua malattia, la sua esperienza religiosa.

Film / Un medico, un uomo / USA 1992 / Regia Randa Haines

Inserito in Dall'altra parte

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Jack McKee (William Hurt) è un valente chirurgo sicuro di sè, che esprime, senza saperlo, le difficoltà di relazione con gli altri (pazienti e non) con un eccessivo distacco e senso dell'humour, con un atteggiamento in certi momenti arrogante e superficiale. Quando ad un certo punto scopre di avere un tumore alla gola, quando passa anche dall'altra parte, quando oltre che medico diventa paziente, se stesso e tutta la sua vita sono visti da altre prospettive, con nuove sensibilità.

 

Il film (dramma a lieto fine) è ispirato a una storia vera, ad un romanzo autobiografico tradotto anche in italiano (Un medico, un uomo di Edward E. Rosenbaum, 1992 Longanesi).(G.M.)

Romanzo / Edward E. Rosenbaum, Un medico un uomo, 1988, 1992 Longanesi

Inserito in Dall'altra parte

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
Il dottore aveva detto che avevo un'escrescenza o un cancro? Forse non avevo sentito bene. Non era possibile che stesse accadendo questo. I dottori sono i servi di Dio, si guadagnano l'immunità dagli ordinari problemi della vita.
Mi ero recato dovunque fosse necessario, curando tutti, ricchi e poveri, di tutte le razze e religioni, anche il nemico ferito durante la guerra. Avevo esercitato la mia professione e allevato quattro figli, tre dei quali erano diventati medici e avevano sposato dei medici. Sicuramente Dio non poteva avercela con me. (p.38)

Un medico anziano (settantenne), competente e stimato specialista di reumatologia, direttore sanitario di una clinica, scopre di avere un cancro alla gola. L'esperienza vissuta ridefinisce improvvisamente e pian piano nel contempo (non si può in un lampo elaborare emozioni forti e compresenti quali l'angoscia, l'ansia, la paura, il terrore, la disperazione profonda, la rabbia incontenibile...) il suo modo di essere, di vivere, di pensare la medicina e di praticare la professione.

Testimonianza / Quaggiù qualcuno ci ama... - Lucia Crescimbeni

Inserito in Dall'altra parte

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Quando mi è stato chiesto di raccontare del mio lavoro scrivendo una storia, ho acconsentito a cuor leggero, pensando che sarebbe stato facile ritrovare nella memoria delle cose accadute, un fatto da narrare. E in effetti, in ventotto anni di professione medica (la guardia medica notturna nei primi anni, la mia attività ambulatoriale, il lavoro al SerT ) episodi e storie liete o dolorose, buffe o singolari, ne sono certamente accadute e, tutte degne di essere ricordate. Ma al termine di questa ricerca ho compreso che erano altre le cose di cui volevo dire: due episodi "minimali", in cui il mio ruolo non era quello di chi svolge un servizio ma di chi lo fruisce. Due piccoli fatti che per me sono stati fonte di riflessione che al termine di questo scritto cercherò di comunicare.

Racconto / Anton Cechov, Reparto n°6, 1892, 1958 Einaudi (Reparto n°6 è presente pressoché in qualunque raccolta di racconti di Cechov pubblicata da ogni editore importante)

Inserito in Dall'altra parte

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Andrej Efimyc Ragin, figlio di un medico, medico suo malgrado (come suo malgrado sembra essersi svolta tutta la sua vita), dirige (si fa per dire) un decadente disorganizzato e sporco ospedale di una oscura provincia russa. Nell’ospedale è anche presente un padiglione (il Reparto n°6) in cui sono rinchiusi 5 folli, cinque dementi, o come in altri modi li si vuol chiamare.

Testimonianza / Senza una ragione, né un motivo

Inserito in Dall'altra parte

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Senza una ragione precisa, né un preciso motivo, almeno senza poterli individuare, il dono della nascita di un figlio può essere accompagnato dalla tragica condizione di una profonda disabilità. Una lettera aperta di un operatore che ha vissuto e vive questa condizione e una intervista ad esso cercano di esplorare questa esperienza tentando di individuare qualche supporto da proporre a chi purtroppo è costretto ancora a subire (come genitore e come operatore) simili condizioni.

David Biro, Cento giorni Il mio viaggio da medico a paziente, 2000, 2001 Ponte alle Grazie

Inserito in Dall'altra parte

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

[Improvvisamente un medico trentunenne si trova gettato nel vortice di una malattia gravissima chiamata PNH (Emoglobinuria parossistica notturna). Per scampare ad essa sceglie il trapianto del midollo. Dopo alcuni anni narra l'esperienza vissuta facendoci intravedere i profondi cambiamenti avvenuti dentro di sé e nella sua vita]

Questo sito non fà uso di cookie di profilazione di terze parti. Utilizza solamente cookie "tecnici" emessi direttamente dal sito per scopi editoriali o per permettere l'erogazione di servizi. Per maggiori dettagli leggere la "privacy policy"