loga ausl della romagna
Rimini
Qr Code
URL della pagina
 

Racconto / Anton Cechov, Reparto n°6, 1892, 1958 Einaudi (Reparto n°6 è presente pressoché in qualunque raccolta di racconti di Cechov pubblicata da ogni editore importante)

Inserito in Dall'altra parte - Ultima modifica il:

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Andrej Efimyc Ragin, figlio di un medico, medico suo malgrado (come suo malgrado sembra essersi svolta tutta la sua vita), dirige (si fa per dire) un decadente disorganizzato e sporco ospedale di una oscura provincia russa. Nell’ospedale è anche presente un padiglione (il Reparto n°6) in cui sono rinchiusi 5 folli, cinque dementi, o come in altri modi li si vuol chiamare.

Uno di essi, Ivan Dmitric Gromov, è qui ricoverato, rinchiuso, perché ad un certo punto una insidiosa e ossessiva paranoia ha completamente trasformato la sua vita. Per quel che se ne sa il dott. Ragin ‘ama straordinariamente la ragione e l’onestà’ ma qualcosa (debolezza di carattere? un pessimismo profondo e una insidiosa melanconia? un presuntuoso elitarismo intellettualistico che lo isola dal rapporto con gli altri, dalla vita? un senso mortale di noia e di uggia per tutto da cui non riesce a liberarsi? l’incapacità di vedere un qualche senso-disegno nelle cose?) gli impedisce di farsi valere, di contrapporsi agli altri, di combattere per qualcosa. Un giorno il medico si reca nel Reparto n° 6 e inizia a parlare con Gromov. Scopre in lui una persona con cui poter conversare, confrontarsi, e da quel momento non perde occasione per incontrarlo. Che sia per questo legame o per altro sta di fatto che pian piano la sua vita muterà completamente fino al punto in cui il ‘cerchio magico’ della follia finirà per chiudersi anche attorno a lui conducendolo al ricovero nel Reparto n°6. Se quel reparto è il luogo della follia e della morte, il fuori è conseguentemente il luogo della ragione e della vita? E’ evidente che così non è. Ma se così non è – sembra chiedersi disperato Andrej Efimyc e con lui il lettore – dove stanno le une e le altre? Dove sono i confini tra loro? Dove può vivere e rifugiarsi un uomo? A chi e a cosa può legarsi, aggrapparsi, per entrare nel flusso profondo della vita?

Anton Cechov (1860-1904) grande narratore e drammaturgo russo, laureato in medicina, ha svolto per anni e anni la professione medica prima di dedicarsi totalmente alla letteratura e al teatro.(G.M.)

Questo sito non fà uso di cookie di profilazione di terze parti. Utilizza solamente cookie "tecnici" emessi direttamente dal sito per scopi editoriali o per permettere l'erogazione di servizi. Per maggiori dettagli leggere la "privacy policy"