loga ausl della romagna
Rimini
Qr Code
URL della pagina
 

Esperienze e testimonianze

Sono qui raccolte esperienze e testimonianze. I testi possono avere varie forme, esempio: essere molto brevi e limitati alla semplice descrizione di un momento importante vissuto, raccontare l'arco di una esperienza in un servizio, essere più sbilanciati sul commento e la riflessione sull'esperienza vissuta, riferire varie esperienze a fuoco su un tema e riflettere a partire da esse, ecc ...

La liberta che cambia - Floriana Raggi

Inserito in Esperienze e testimonianze

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Floriana Raggi, assistente sociale, narra la sua partecipazione (anni 1974-1978) alla esperienza di deistituzionalizzazione di un ospedale psichiatrico e i primi passi intrapresi per creare servizi alternativi di salute mentale.

Cercasi medici ed infermieri in Norvegia - Nadia Planamente

Inserito in Esperienze e testimonianze

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

L'esperienza di una giovane infermiera italiana in un ospedale norvegese.

Ecco come è iniziata la mia avventura in questo meraviglioso paese. Io e mio marito eravamo fermi dopo una lunga pedalata intenti a leggere il quotidiano locale quando il nostro sguardo è caduto contemporaneamente in quelle minuscole righe in seconda pagina: "Cercasi medici ed infermieri in Norvegia, stipulato accordo tra Ministero del Lavoro italiano e norvegese". Sì, l'articolo riportava solo queste poche cose, quindi i due Sherlock Holmes si sono messi subito all'opera.

La discussione del caso clinico / Gilberto Mussoni

Inserito in Esperienze e testimonianze

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L'autore evidenzia l'importante esperienza di discussione sui casi clinici in una Comunità Terapeutica (i Tigli ) per bambini diagnosticati psicotici e/o con gravi disturbi della personalità in cui ha operato per 7 anni.

Ciao Beppe, grazie - Caterina Staccioli

Inserito in Esperienze e testimonianze

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Ciao Beppe, grazie (Tratto da "STORIE ristrette") – Caterina Staccioli 

La storia racconta una pagina di vita di uno dei detenuti passati alla SEATT Sezione Attenuata Trattamento Tossicodipendenti. Questa struttura, che oggi ha cambiato caratteristiche e nome, era una piccola comunità all 'interno del carcere di Rimini studiata per i detenuti tossicodipendenti che chiedevano di iniziare un percorso comunitario. Molto diversa dalle normali sezioni interne era strutturata e organizzata proprio come una comunità terapeutica. All' interno operatori dellAusl di Rimini lavoravano insieme a 10 agenti scelti e formati per questa struttura. Beppe era uno dei ragazzi che aveva chiesto di fare il percorso. In carcere da diversi mesi era in cura presso il servizio psichiatrico del suo paese ma al passaggio alla SEATT smise tutti i farmaci e si comportò in maniera equilibrata per tutto il periodo: otto mesi circa fino al giorno della sua breve fuga. Al suo rientro in carcere dovette riprendere i farmaci che gli erano stati prescritti e fu inserito in una struttura psichiatrica sul territorio di provenienza idonea alla sua problematica. La storia inizia proprio dalla visita presso questa nuova struttura dove Giuseppe viveva da alcune settimane con una terapia piuttosto importante e sempre con un disperato bisogno di famiglia.

Un lungo periodo di attesa e di speranza – Shpresa Kule

Inserito in Esperienze e testimonianze

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Due "minimali" esperienze che parlano di cura, dello sguardo che poniamo sull'altro, della sua e nostra dignità.

Un lungo periodo di attesa e di speranza
Dopo avere lavorato 18 anni come infermiera in Albania Shpresa Kule emigra in Italia in cerca di una migliore condizione per i propri figli. Ci vorranno ben 12 anni prima che la professionalità maturata nel suo paese e accresciuta con altre esperienze di assistenza le venga riconosciuta. In questo suo breve scritto racconta questa lunga fase di attesa e di speranza.
Qualcos'altro di me e del mio lavoro
Con questa aggiunta Shpresa Kule presenta più ampiamente se stessa a partire dall'inizio della sua formazione come infermiera in Albania fino ad oggi.
Questo sito non fà uso di cookie di profilazione di terze parti. Utilizza solamente cookie "tecnici" emessi direttamente dal sito per scopi editoriali o per permettere l'erogazione di servizi. Per maggiori dettagli leggere la "privacy policy"