loga ausl della romagna
Rimini
Qr Code
URL della pagina
 

Sandor Marai, Sorella, 1946, 2006 Adelphi

Inserito in Romanzi e racconti - Ultima modifica il:

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

[In un grande romanzo Sandor Marai ci dona l'esperienza di un malato, l'interrogazione continua sui possibili significati della malattia, la narrazione dell'opera e della presenza di chi lo assiste, lo cura]

Mentre il secondo conflitto mondiale imperversa uno scrittore incontra casualmente, in un alberghetto sperduto fra i monti della Transilvania, un grande pianista di fama internazionale (Z.) che da anni si è completamente e misteriosamente eclissato dalla scena pubblica. Desideroso di capire cosa l'ha indotto ad una tale decisione gli si avvicina ma non saranno quei pochi giorni trascorsi insieme a svelare il mistero della sua scomparsa, bensì una sorta di diario che gli perverrà dopo la morte del maestro da lui un tempo tanto ammirato. Il diario che lo scrittore decide di pubblicare è la storia di una malattia (un raro virus) e del suo superamento, una narrazione straordinaria in cui Z. non solo racconta il decorso fisico del male (estremamente doloroso) ma, con grande profondità e raffinatezza, il tormento esistenziale vissuto, il proprio (torturante e liberante ad un tempo) interrogarsi sulla malattia, sul suo possibile significato (menzogna? tradimento? vita inautentica senza amore?...). Soprattutto interessanti, per noi operatori della assistenza e della cura (dove poi finisca l'una e inizi l'altra vorrei proprio capire chi lo sa), le figure di coloro che si prendono cura di lui: due medici e quattro suore-sorelle-infermiere. Ad un certo punto, nel momento più doloroso della malattia quando la morte è vicina, Z. sente dire da una delle quattro sorelle (quale?): "Non voglio che lei muoia". Chi è quella sorella che vuole che la sua vita continui? Cosa l'ha spinta a dirgli questo? Che scintilla di vita è mai quella che la voce porta con sè? Una volta letto un grande romanzo come questo è difficile non dire a chi si conosce e a chi si stima: "Voglio che tu lo legga". Così è accaduto a me. Qualcuno me l'ha vivamente proposto. E io faccio altrettanto con chi ha letto questa nota.

 

I romanzi di Sandor Marai (1900-1989) sono pubblicati in Italia da Adelphi (G.M)

Questo sito non fà uso di cookie di profilazione di terze parti. Utilizza solamente cookie "tecnici" emessi direttamente dal sito per scopi editoriali o per permettere l'erogazione di servizi. Per maggiori dettagli leggere la "privacy policy"