loga ausl della romagna
Rimini
Qr Code
URL della pagina
 

Saggi

In questa sezione segnaleremo testi e articoli che ci aiuteranno a riflettere attorno a temi strettamente connessi alla narrazione delle esperienze quali, ad esempio: le vicissitudini dell'esperienza della memoria e della identità professionale nella modernità, l'apprendimento dall'esperienza, il pensiero narrativo, ecc...

Jerome Bruner, La ricerca del significato Per una psicologia culturale, 1990, 1992 Bollati-Boringhieri

Inserito in Saggi

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

A partire dalla centralità che ha la ricerca del significato, del senso e dei valori in una determinata società e cultura, l'autore conduce il lettore all'interno del pensiero narrativo. Gli fa intravedere il suo nascere (l'importanza che già ha nel comportamento infantile), il suo spazio nella vita quotidiana (nella psicologia popolare), le sue potenzialità più in generale per lo sviluppo della cultura.
Ad organizzare l'esperienza, a strutturare nelle persone criteri per valutare e agire (strutturazione e criteri non facilmente individuabili né definibili), più che un lavoro e un confronto logico-concettuale è - per l'autore - la narrazione (che produciamo e ascoltiamo).

Paolo Jedlowski, Il sapere dell’esperienza, 1994 Il Saggiatore

Inserito in Saggi

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Come è strutturata la vita quotidiana? Che rapporto c'è tra abitudine senso comune ed esperienza? Cosa significa, implica, fare esperienza? Cosa significa, implica, fare esperienza oggi nella società moderna? Cosa significa apprendere dall'esperienza? Che sapere è quello che scaturisce dall'esperienza? Che spazio ha oggi, nella società moderna, il sapere dell'esperienza?

Luigina Mortari, La pratica dell'aver cura, 2006 Bruno Mondadori

Inserito in Saggi

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

La cura, del corpo e della mente, inscindibili, fondano l'essere, la vita, permettono il suo sviluppo. Nonostante ciò il pensiero occidentale l'ha marginalizzata, svalorizzata. In questo saggio Luigina Mortari cerca le ragioni di questa marginalizzazione e svalorizzazione e di ridare alla cura la centralità che ha proponendone nel contempo una essenziale caratterizzazione.

Luigina Mortari, Apprendere dall'esperienza Il pensare riflessivo nella formazione, 2003 Carocci

Inserito in Saggi

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

[Immaginare la pratica professionale come l'applicazione nel lavoro di tutti i giorni di principi-teorie elaborati in uno spazio distante ritenuto superiore, quello della teoria o delle teorie, è un profondo errore che può anche condurre ad appiattire il lavoro di molti professionisti ad un mero eseguire e ripetere più o meno consapevolmente pratiche inadeguate quando non dannose. Quel che è necessario è invece apprendere ad elaborazione un sapere che sappia partire dall'esperienza, che sappia quotidianamente interrogarci ed interrogarla. Il libro ci conduce all'interno di questo cambio radicale di prospettiva.]

Duccio Demetrio, Raccontarsi : autobiografia come cura di se, 1995 Cortina

Inserito in Saggi

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Come comportarsi di fronte al bisogno che a volte (soprattutto nella tarda mezza età, nella cosiddetta maturità) si manifesta di ripercorrere e narrare la propria esperienza di vita? In questo scritto l’autore ci invita a dare ascolto a questo bisogno. Chi non scarta questa possibilità potrà trovare nel libro non pochi suggerimenti su come intraprendere questa avventura.

Paolo Jedlowski, Storie comuni La narrazione nella vita quotidiana, 2000 Bruno Mondadori

Inserito in Saggi

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Narrare, narrarsi, ascoltare storie raccontate da altri, struttura, anche se non ne siamo consapevoli, il nostro modo di essere, il nostro modo di collocarci e muoverci nella vita quotidiana. Quasi in forma di conversazione in questo scritto Paolo Jedlowski ci mostra come prendere consapevolezza di tutto ciò può condurci ad apprendere dall'esperienza, ad appropriarci, per quanto è possibile, della nostra vita (non solo professionale).

Andrea Smorti, Il pensiero narrativo Costruzione di storie e sviluppo della conoscenza sociale, 1994 Giunti

Inserito in Saggi

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Con un taglio psicologico ed epistemologico l'autore mostra come sempre più oggi vari processi (sociali e culturali) convergano nel attribuire importanza al pensiero narrativo (in merito all'ambito relazionle e socio-culturale), come e perchè tale pensiero si differenzi da quello logico-matematico,  come si possono configurare ora le sue potenzialità e i suoi limiti.

Questo sito non fà uso di cookie di profilazione di terze parti. Utilizza solamente cookie "tecnici" emessi direttamente dal sito per scopi editoriali o per permettere l'erogazione di servizi. Per maggiori dettagli leggere la "privacy policy"