loga ausl della romagna
Rimini
Qr Code
URL della pagina
 

Che cosa è il rischio clinico

Inserito in Rischio clinico - Ultima modifica il:

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Gli Advers events possono essere ricondotti sia al macroaggregato degli Active failures, azioni pericolose, errori commessi da chi è in prima linea nel sistema e con conseguenze immediate sull’outcome, sia al gruppo dei Latent failures

ovvero azioni pericolose, errori risultato di decisioni prese ai più alti gradi dell’organizzazione. I loro effetti, all’opposto delle active failures, si rendono evidenti a distanza di tempo.

La gestione del rischio o risk management nella più comune forma anglosassone, si connota come strumento mediato in campo sanitario dal management industriale finalizzato ad "identificare, analizzare e controllare, anche economicamente, i rischi che possono minacciare gli equilibri o modificare le capacità produttive di un’impresa".

Rappresenta l’evoluzione del percorso della scienza medica, basata sulla conoscenza degli errori evitabili, che ha realizzato nel tempo gli attuali percorsi assistenziali e procedure diagnostiche/terapeutiche.

In termini più generali si interessa di individuare strumenti per il governo del rischio utili a garantire la minimalizzazione dei rischi, in termini di efficacia e di efficienza, a favore dei pazienti, dei familiari, e degli operatori, sia come singoli professionisti, sia come membri dell’organizzazione.

L’azienda sanitaria, quale struttura a forte componente professionale, stante la sua tipica caratterizzazione incentrata sulla autonomia (intesa quale facoltà del professionista a gestire sia il processo di trasformazione del bisogno in domanda che la produzione tecnica della prestazione stessa), necessita di meccanismi operativi e gestionali in grado di assicurare più rilevanza e "pubblico interesse" verso i processi clinici e assistenziali (outcome).

E’ da questa consapevolezza che nasce e si sviluppa il ruolo del risk management quale funzione finalizzata all’esercizio della gestione dei rischi aziendali.

Il rischio di un evento avverso non è totalmente eliminabile nella pratica sanitaria e pertanto si definisce "rischio residuo" ciò che non è spiegato solo dal calcolo probabilistico della realizzazione dell’evento, ma da più combinazioni delle risultanti dei processi assistenziali e organizzativi, che chiamano in causa sia la reattività dell’individuo, quale propria residua specificità, sia la combinazione di fattori imprevedibili alla capacità del sistema, quale impossibilità a governare ciò che ancora non si conosce

Obiettivo del management è la ricerca di strumenti che consentano la conoscenza, quale principale modello di governo, utile a garantire agli operatori impegnati nelle aree di assistenza e cura (direttamente ed indirettamente) di sviluppare l’autonomia professionale, come elemento qualificante del rapporto fiduciario medico - paziente, e di fruire della capacità di poter apprendere dai propri processi decisionali.

Questo si realizza nell’esercizio della responsabilità verso il miglioramento continuo dei servizi erogati, nell’assicurazione di elevati standard assistenziali da parte dei professionisti e della organizzazione e, quindi, non solo come processo di minimalizzazione degli errori, ma quale risultato di un processo di implementazione culturale individuale e di sistema.

Finalità conseguente di tutta la organizzazione è, inoltre, la ricerca di un necessario punto di equilibrio fra il patto che si instaura nella presa in carico fra il professionista e il cittadino ed il patto di tutela della salute, nei limiti di assistenza dichiarati dal SSN, che l’azienda contrae con la popolazione di riferimento (bene individuale e collettivo a garanzia costituzionale).

Questo sito non fà uso di cookie di profilazione di terze parti. Utilizza solamente cookie "tecnici" emessi direttamente dal sito per scopi editoriali o per permettere l'erogazione di servizi. Per maggiori dettagli leggere la "privacy policy"